Distopicalittico di Ivo Murgia -Cenacolo di Ares official

"In modo complesso, siamo artisti della semplicità"
pagina facebook ufficiale del cenacolodi ares
pagina ufficiale youtube del cenacolo di ares
Vai ai contenuti

Menu principale:

Distopicalittico di Ivo Murgia

Schede Libri e CD > Gli indipendenti
Distopicalittico di Ivo Murgia
PRESENTAZIONE
Distopicalittico è il secondo volume di Ivo Murgia che esce per le edizioni Cenacolo di Ares, nella collana “Gli Indipendenti” ma questa nuova produzione si discosta notevolmente dalla precedente “Il club degli intelligenti.” Lasciate le avventure galanti tragicomiche del filosofo cagliaritano Socrates, l’ambientazione di questo nuovo lavoro lascia anche Cagliari e si proietta in un futuro immaginario e in un non luogo. Spariscono quindi le ambientazioni sarde e si argomenta di un domani di tutti gli esseri umani, non meglio specificando altre coordinate spaziotemporali. Di sicuro il futuro prospettato, che secondo l’autore attende l’umanità, non è dei più felici, anzi si prefigura come una vera e propria punizione per tutto il male di cui gli esseri umani sono stati capaci lungo la loro esistenza. Il titolo del racconto è dato dall’unione delle parole distopico e apocalittico ed è già indicativo delle intenzioni dell’autore. A smorzare questo scenario così funesto è ancora una volta l’ironia della scrittura che affrontando la narrazione, racconta in prima persona e con occhio beffardo le sciagure che aspettano l’umanità in ragione del bene, poco, e del male, tanto, che si prodiga di fare ai nostri tempi.

SINOSSI
In un futuro e in un luogo non meglio precisati ma comuni a tutta l’umanità, il protagonista stanco di una vita più virtuale che reale decide di affrontare quel che resta del reale per capire che fine hanno fatto gli uomini e le donne di un tempo. Più facile a dirsi che a farsi, intanto l’umanità non è più quella degli anni 2000 ma è molto più variegata, comprendendo anche umanoidi, uomini con parti meccaniche, mix animali parlanti dotati di coscienza e telepatia e altro ancora. L’umanoide Terenzio, animato da spinte molto umane e molto meno nobili di quello che si crederebbe e che si riterrebbe opportuno per un eroe, si mette in cammino alla ricerca di quel che resta dell’umanità. Si imbatterà in tutte le forme possibili di vita, finendo imprigionato in una missione che non è la sua e che lo porterà a entrare in contatto con i nuovi abitanti del pianeta Terra ormai quasi completamente devastato e ridotto, per lo più, a un cumulo di immondizie. Il nostro eroe per caso, si troverà senza volerlo e senza averne i mezzi, a darsi da fare per salvare il salvabile e provare a dare un seguito all’avventura degli ultimi uomini e donne di questo nostro, e unico, pianeta. L’unica cosa che non gli verrà mai meno sarà il vero motivo per il quale è uscito di casa e nel quale continua a sperare disperatamente fino all’ultimo, neanche tanto segretamente. Per riuscire nell’impresa non solo avrà pochissimi mezzi a disposizione, poco entusiasmo e poca convinzione, ma dovrà anche vedersela con il peggiore nemico di sempre dell’uomo: l’uomo. Il finale presenta ben due colpi di scena, con l’intervento di Igor Lampis, altro autore del Cenacolo, e con un’altra trovata che va oltre lo stesso finale e per la quale naturalmente si rimanda alla lettura del libro.

DESTINATARI
Per il tipo di ambientazione e per alcuni temi trattati, il romanzo potrebbe addirittura accostarsi al genere “fantascienza” se non fosse che la trattazione se ne discosta un po’. È infatti nuovamente l’ironia lo strumento con il quale si procede nel dipanarsi degli eventi, arma sottile che consente di esporre le verità più dolorose, difficilmente accettabili altrimenti. Le vicende dei protagonisti vengono raccontate con tono divertente e burliero creando una spiritosa antitesi con i fatti narrati che sono invece tutt’altro che rassicuranti. Non esattamente fantascienza dunque, che probabilmente deluderebbe i veri amanti del genere, ma ancora una volta un pretesto per portare le dovute critiche alla società attuale e alle sue pratiche indiscriminate e poco lungimiranti, così come alle conseguenze che chi verrà dopo di noi potrebbe essere costretto a pagare in nostra vece e per nostra colpa.
L’AUTORE
Ivo Murgia (Cagliari 1974). Laureato in psicologia, ha conseguito il master “Approcci interdisciplinari nella didattica del sardo” a Cagliari. Da più di quindici anni lavora con la lingua sarda nei comuni e nelle province, nelle università, nei conservatori, con editori, giornali, riviste, festival letterari, rassegne culturali, radio, televisioni e nel web. Ha scritto nei giornali “Sardinna”, “Sa Republica Sarda”, “Superga Cinema”, “La Patrie dal Friûl”, nel portale on line “Arrèxini” e in vari siti e blog. Ha pubblicato una dozzina di volumi, tra traduzioni e saggi, cinque ebook di narrativa in italiano e tre di narrativa in sardo. Si è anche cimentato come perfomer in vari reading, tra i quali “Micro-contus”. Partecipa a convegni e tiene costantemente conferenze su diversi aspetti della lingua e della cultura sarda. Il suo ultimo lavoro si intitola “Il club degli intelligenti”, Cenacolo di Ares 2015.


Distopicalittico

Anno di publicazione 2017
Titolo: Distopicalittico
Autore: Ivo Murgia
Copertina Morbida - 161 pagine b/n - Prezzo: Euro 15
ISBN 9788899850098

libro a tiratura limitata stampato in 150 copie

Disponibilità immediata
15.00 € Aggiungi
Cenacolo di Ares Edizioni - Aps Ethiquà - PIVA 03486480928
Torna ai contenuti | Torna al menu